it-flag  en-flag

Viaggio in sud India - il Kerala in sette giorni

17 Gennaio 2014

Categorie: Idee di viaggio Gennaio 2014

Viaggio sud India. Navigando tra le backwaters del Kerala. Photo © Samuele Fracasso

Alcuni consigli da Shambhoo Travel per il tuo viaggio in sud India: il Kerala in sette giorni.

Conosciuta come “God’s Own Country“ il Kerala è uno degli stati dell’India economicamente più di successo. Governato da un governo comunista eletto democraticamente, che può vantare un tasso di alfabetizzazione di oltre il 90 per cento.

Può anche vantare la prima chiesa cristiana, la sinagoga e la moschea dell’India, ed inoltre il Kerala è famoso anche per le sue belle spiagge, la popolazione colorata e calda e una cucina magnifica. E mentre un viaggio attraverso lo stato può offrirvi delle viste magnifiche, un tour gastronomico vi offrirà una lezione di storia che nessun libro potrà mai cambiare il vostro modo di pensare al cibo.

consigli per viaggio india del sud

Familiarizzate voi stessi con il Kerala

Arrivo a Cochin e faccio il chek-in presso il cinque stelle Taj Malabar. Cochin è stata costruita nel 1932 per accogliere lo sbarco dei passeggeri di linea di lusso. Prendete una barca attraversate la baia e familiarizzare con la storia del Kerala.

Visitare la sinagoga XVI secolo in Jew Town il quartiere ebraico il sito del più antico insediamento ebraico dell’India,  non è sorprendente che i commercianti ebrei che giunsero per la prima volta nel VI secolo d.C. e vissero qui felici … fino a quando il macellaio portoghese Alberto de Albuquerque arrivò nei primi anni del 1500 e uccise la maggior parte di essi.

Rimanete sulla via dell’adorazione dietro l’angolo, case a schiera di color pastello fino alla chiesa di St Francis Church. Costruita nel 1510, è il luogo dove l’esploratore portoghese e sadico, Vasco Do Gama, è stato sepolto, ma è stato ripresa dai successivi invasori olandesi di 100 anni più tardi e cambiò in protestante per poi diventare, sotto il dominio britannico, il centro di culto anglicano dal 1858.

Di ritorno in hotel gustate una tipica cena a base di pesce presso il ristorante Rice Boat un piatto composto da pezzi di merluzzo nero, gamberetti masala king sottilmente speziato e avvolto in una foglia di banana, tilapia fish curry accompagnato da un piatto dalla fragranza degli agrumi (a base di spaghetti di riso noodle arricciati in una spirale piatta) e tre dessert molto diversi e lasciate che lo chef vi spieghi che ogni ingrediente alimentare in Kerala è lì non solo per il sapore, ma anche per uno scopo medicinale.

Un pranzo siriano cristiano e crociera in canoa attraverso i canali

Viaggiate a terra e prendere una canoa lungo il fiume e pranzate a casa di Mr Thomas. Il pranzo viene preparato nella maniera meno piccante siriano cristiano introdotto da monaci ortodossi che hanno seguito il pioniere San Tommaso nel Kerala. Tale tariffa comprende prevalentemente piatti di carne e pesce, meno piccante e più coriandolo, come evidentemente ricordano la zuppa di pesce, abbastanza sorprendente di Bouillabaisse.

 Successivamente, il giovane Thomas vi porterà sulla sua zattera giù per silenziosi canali artificiali, aironi passati, di iridescenti martin pescatore, cormorani e magri bufali immersi nell’acqua per un tour botanico dove è possibile vedere  piante di ogni genere che la gente del posto usa per curare ogni sorta di disturbi dal comune raffreddore ai calcoli renali, ittero e le emorroidi.

Una villa coloniale, un viaggio in una casa galleggiante e un massaggio ayervadic

Viaggiate verso l’interno e godetevi la grandezza coloniale del Taj Garden Retreat a Kumarakom. Già sede dell’insolito ricco inglese “missionario” Henry Baker, questo imponente palazzo di frontiera di 123 anni, è un santuario di uccelli, i cui abitanti fanno un massiccio uso del fogliame dell’albergo.

Fate un viaggio in una houseboat (kettuvalam) in crociera passando tra lussureggianti risaie, palme del Kerala e dame in abiti rosa brillante e blu che fanno il bucato nel fiume e vi sentirete come se aveste viaggiato indietro nel tempo ai tempi di EM Forster.

Godetevi un ayurvedico (tradotto in “scienze della vita” ) massaggio in cui sarete vestiti con un perizoma delle dimensioni di un cerotto, coperto di oli di guarigione abbastanza per ricoprire un lottatore di sumo e subirete pressioni sul corpo fino a quando la fase della vita occidentale vi lascerà. Di notte infatti partecipate all’unico pasto di 18 portate il Moplahche comprende il meen mulagittathu (pesce al curry aromatizzato al peperoncino), undaputtu (ravioli e gamberi al vapore) e aatirachicurry (agnello Moplah nel cocco) e assaporerete il gusto e i sapori che i commercianti arabi avevano sul cibo del Kerala circa 2000 anni fa.

Immersioni di cozze e un barbecue sulla spiaggia

Viaggiate in prima classe su un treno mattutino lungo la spina dorsale del Kerala fino a Thiruvananthapuram arrivando nella capitale nel tardo pomeriggio. Uscite nel più grande mercato della città, dove è possibile acquistare letteralmente “qualsiasi cosa“. Prendere un taxi per il Taj Green Cove Hotel a Kovalam, svegliatevi presto la mattina e incontrate il pescatore sulla spiaggia di Kovalam che a bordo di una sottile zattera di legno di balsa - appena abbastanza grande per sedersi- e vi porterà a bordo della scogliera.

consigli per viaggio india del sud: spiaggia

Qui provate a pescare mitili dotati solo di un coltello, boccaglio e maschera e guardate come sub esperti rimangono sotto l’acqua per quello che sembra durare una vita emergendo con un sacchetto di cozze che metterà il vostro fermo a dura vergogna. Dopo una nuotata nel mare Arabico guardare il sole andare giù poi a piedi fino alla spiaggia per un barbecue, scegliete il pesce da una selezione dei migliori frutti di mare a disposizione dell’uomo. Di notte, fate una passeggiata sulla Lightouse Beach dove si potrebbe anche incontrare un compagno di viaggio.

Mercanteggiare in un mercato di strada e una notte in glam Mumbai

Volate da sud a Mumbai e fate il chek-in nel lussuoso Taj President uno schiaffo al centro della città. Come il boom dell’economia indiana, la città si trova a cavallo di una certa gamma completa di esperienze umana. Fate un po’ di negoziazione pesante giù al Chor Bazaar (il bazar dei ladri) e scegliete alcune cose di antiquariato. Prendere una birra nel Café Leopold sulla strada dei mercanti in cui l’australiano Gregory David Roberts autore ha scritto gran parte del suo romanzo Shantaram e raccogliete alcuni consigli da compagni di viaggio su come negoziare in città.

La sera una cena al Cafè Konkan al President Taj Hotel che fonde delizie gastronomiche da Vasai a Mangalore con sane ideologie occidentali. Successivamente rinviate per l’hotel all’enormemente alla moda Bar Winke curatevi con espresso Martini e guardate un cigno glamour di Mumbai. Concludete la serata con un drink presso il Privee, i membri del club solo se le stelle più glamour che Bollywood si lascia strappare.

Articolo liberamente tratto da un articolo di Chris Sullivan uscito sul The Independent.
Photo © Samuele Fracasso

Il Kerala è raggiungibile dall’Italia con voli internazionali (non diretto ma con scalo) e i suoi due principali aeroporti internazionali sono Cochin e Trivadrum. Il Kerala è possibile visitarlo in pochi giorni o in combinazione con altre destinazione vicini. Per idee viaggio vi invitiamo a visitare la nostra pagina Viaggi in sud India dove troverete proposte alcuni tour per visitare e scoprire questa meravigliosa terra.

Leave a comment

You are commenting as guest. Optional login below.