it-flag  en-flag

TERREMOTO IN NEPAL: UN PAESE IN GINOCCHIO, AIUTIAMOLI!

05 Maggio 2015

Categorie: Maggio 2015 News

Insieme per il Nepal. Ph Massimo Mazzotta

pubblicato da SusIndia il 29 aprile 2015

Il mio legame con il Nepal è di amore-odio. Un anno fa, nel mese di gennaio ho trascorso 10 giorni a Kathmandu in cui ho visitato la bellissima capitale nepalese, dove ho visto la Kumari, la dea bambina, dove ho passeggiato nella bellissimaDurbar Square, dove ho assaggiato i deliziosi momos per la prima volta in vita mia….ma anche dove, per mia sfortuna, mi sono ammalata.

Nepal, Kathmandu Photo Massimo Mazzotta. Tutti i diritti riservati ©

In questo breve articolo quindi, non voglio parlarvi dei tanti motivi per cui un viaggio in Nepal è un’esperienza meravigliosa, ma del motivo per cui anche io, in qualche modo, ho riservato un posto nel mio cuore a questo paese stupendo ed alla sua gente, e mi sono ripromessa di tornarci, adesso più che mai.
Nel mese di gennaio, in Nepal, faceva piuttosto freddo, il Governo taglia l’elettricità e praticamente si resta al lume di candela per ore e ore…la sera mi piaceva cenare nel ristorante “Nepali Kitchen” proprio di fronte al mio albergo…

Purtroppo, una notte mi sono svegliata in preda ai tremori, febbre a 40°, senza riscaldamento,senza elettricità, ricordo solo la luce della candela ed il viso del Dalai Lama che mi sorrideva dalla copertina del libro appoggiato sul comodino. E ricordo di aver pianto una sera e di aver pensato che ci sarà stato sicuramente un motivo per cui mi stava capitando tutto questo, lontano da casa, dagli affetti della famiglia e degli amici, da sola in una città sconosciuta.
Ma in realtà non ero sola. È evidente che mi sono ripresa dalla malattia e sono tornata nella mia amata India…ma in quei giorni alcune persone a me vicine non mi hanno mai lasciata sola, giorno e notte, a partire dallo staff dell’albergo in cui mi trovavo, fino ad arrivare ai nostri amici Karnabir Balami e sua moglie Kalpana.
Titolari di un Tour Operator locale, Kundalini Travels Nepal, sono i corrispondenti in Nepal per l’agenzia con cui collaboro, la Shambhoo Travels che da 10 anni ormai, organizza viaggi su misura in India ed in Nepal. Sono stati i coniugi Balami, innamorati come il primo giorno, a farmi conoscereDhulikhel, dove abbiamo pranzato davanti allo spettacolo mozzafiato della catena Himalayana, sono stati loro a portarmi il chai quando ero troppo debole per alzarmi dal letto, sono stati loro a farmi assaggiare i famosi momo per la prima volta in vita mia!

Terremoto in India – aiutiamoli! Nepal, Dhulikhel, io insieme ai signori Karnabir e Kalpana Balami

La notizia del terremoto in Nepal ha colpito, in modo più o meno profondo, il mondo intero.  Inutile dire che la tragedia che si è abbattuta sulla valle di Kathmandu ha scosso fortemente noi “vicini di casa” che viviamo in India, la notte non abbiamo chiuso occhio ed il primo pensiero che, ovviamente, si è fatto largo nelle nostre menti è stato: cosa facciamo, andiamo?? Siamo ad un’ora e mezzo di volo…ma poi? Non siamo addestrati a far fronte ad una tale emergenza, non abbiamo i mezzi e le capacità di fornire un aiuto concreto in questo momento. Ma allora cosa possiamo fare per contribuire in qualche modo a dare una mano? Passato il primo momento di disorientamento, confusione e se vogliamo, di lotta interiore su cosa sarebbe stato meglio fare, abbiamo deciso che fornire un supporto economico al fine di partecipare alla rinascita del paese sia la scelta migliore. Ma pur avendo visitato il Nepal, pur conoscendolo per averci viaggiato o vissuto, riteniamo che nessuno più di un nepalese potrebbe comprendere cosa serve al Nepal all’indomani del terremoto. E noi abbiamo individuato questa persona in Karnabir, che conosciamo aldilà dell’aspetto lavorativo e che rappresenta per noi un amico fraterno e di cui ci fidiamo al 100%!

 Per questo motivo, la Shambhoo Travels, ovvero Manish, Giordana, Samuele ed io, abbiamo deciso di iniziare una raccolta fondi che abbiamo denominato “Insieme per il Nepal”: per tutti coloro che ci hanno scritto, per coloro che si chiedono e ci chiedono come poter aiutare il Nepal , se volete, potete donare una somma qualsiasi semplicemente cliccando sulla fotografia di Giordana a Kathmandu, che vi indirizzerà al sito Gofundme e lì, con carta di debito o di credito, potrete fare il vostro versamento.

Insieme per il Nepal campagna su GoFundMe Insieme per il Nepal

Una volta raggiunta la cifra, il denaro verrà totalmente devoluto per finanziare la ripresa de Nepal nelle forme, nei tempi e nei modi, che l’amico Karnabir ci consiglierà. Ovviamente, tutti voi sarete a conoscenza di quanto denaro è stato raccolto e come verrà utilizzato. Confidiamo di incontrare presto l’amico Karnabir e sua moglie Kalpana e siamo certi che, anche se lentamente, il Nepal si riprenderà da questa immane tragedia e sarà più forte di prima. Il nostro pensiero, nell’aiutare i superstiti del terremoto in Nepal, va a a coloro che non ce l’hanno fatta ed alle loro famiglie, per le quali offriamo le nostre preghiere ed il nostro piccolo aiuto.

Leave a comment

You are commenting as guest. Optional login below.